venerdì 16 novembre 2007

Io sono malata

LUI: io vorrei sentire del profumo, invece le mie ascelle puzzan sempre. Io mi do il profumo e puzzano, diobono.
tre minuti di silenzio causa profonda riflessione
LEI: cavoli tato io sono malata...
LUI: casso cos'hai, la febbre?
LEI: no, è solo che quando hai detto che ti puzzan le ascelle io ho pensato Chissà che odore che fanno, le tue ascelle. Poi ho addirittura pensato Come mi piacerebbe esser lì ad annusarle.
LUI: non c'è tanto da scherzare, questa malattia.


2 commenti:

Federico ha detto...

Secondo me pensavate ad un pesce di nome wanda...

Bloggointestinale ha detto...

fede, te sopravvaluti la mia memoria. io, la passione che ho per il cinematografo, se non me lo ricordavi te, quel titolo lì, io andavo avanti tutta la vita senza.